Descrizione del punto di immersione nell’Area Marina Protetta del Promontorio di Portofino

Sotto una piccola descrizione dell’immersione tipo in questa location, aspettiamo di raccogliere le vostre una volta fatta l’immersione con noi, i racconti più interessanti verranno inseriti nel nostro sito e condivisi sui social con altri sportivi legati alla nostra meravigliosa passione.

Nel parco marino di Portofino le grotte sono piuttosto rare. Possiamo trovare spaccature, tane qualche rientranza, ma di grotte vere molto poche. La Colombara è un’ eccezione, ce ne sono addirittura 3, anche se la più profonda è solamente una rientranza della parete. L’ immersione inizia dalla piccola baia formatasi dal cedimento della volta di un’ ampia cavità, quella propriamente detta grotta della Colombara. In direzione di Portofino, quindi verso est, la parete scendendo in profondità, risulta ricoperta di parazoanthus prima e poi via via di corallo. A 33 metri di profondità troviamo la prima grotta, alta circa 3 metri, che si inoltra nella parete. Se entrate per primi, trattenete il respiro per qualche istante, cosi da ammirare la stupenda volta fittamente ricoperta di corallo, le bolle d’aria poi intorbidiranno l’ acqua. Risalendo e puntando verso ponente, a 20 metri troveremo una seconda grotta, più stretta della prima ma anche più lunga. L’esplorazione non presenta particolari difficoltà per chè si vede sempre la luce dell’ uscita che penetra attraverso una seconda apertura. All’ interno della grotta troveremo un ambiente suggestivo, con del corallo, madrepolari, aragoste e musdee. L’ultima grotta si trova proprio in fondo alla grotta della Colombara, a 8 metri di profondità. E’ formata da due cunicoli, quello di sinistra è cieco ma bello da esplorare per i giochi di luce, quando l’acqua è limpida; quello di destra invece, porta a riemergere in un piccolo laghetto dove filtra la luce solare e parte del volta è ricoperta da stalattiti. Una immersione veramente spettacolare!

Difficolatà Media

Grotta della Colombara